• DSCF0662.JPG
  • DSCF1027.JPG
  • Foto504.jpg
  • DSCF1041.jpg
  • DSCF0881.jpg
  • DSCF0872.JPG
  • DSCF0880.jpg
  • DSCF0664.JPG
  • DSCF0848.JPG
  • DSCF0658.JPG
  • Foto552.jpg
  • 25122008003.jpg
  • DSCF0860.jpg
  • 31122008.jpg
  • DSCF0858.jpg
  • Foto479.jpg
  • DSCF1079.jpg
  • DSCF1049.jpg

video posa fotovoltaico

massetti

massetti alleggeriti, (massetti isolanti termici/acustici)


Per dare un servizio a 360° nella scelta qualitativa e strutturale al cliente finale, Paviweb con una continua ricerca e studio sui prodotti di nuova generazione, realizza massetti alleggeriti in argilla pronti per la posa della pavimentazione e per la realizzazione di pendenze esterne anche a rapida essicazione. Avendo una massa volumetrica in opera della metà del tradizionale massetto in sabbia-cemento, permette di soddisfare particolari casi dove il carico d’esercizio su solai e tetti è molto ridotto.
Vengono realizzati consolidamenti strutturali possibili anche con calcestruzzo strutturale alleggerito in argilla avendo una massa in opera metà del normale calcestruzzo.


Il massetto è quell'elemento costruttivo orizzontale che viene adottato per livellare la superficie su cui deve essere posato il pavimento. In edilizia il Rocchetti sostiene la teoria per cui il massetto è costituito dal magrone in quanto elemento in calcestruzzo magro.

 

Lo spessore del massetto è variabile in base alla tipologia dell'ambiente (per esempio all'interno di un edificio può andare da 4 a 8 cm).

Il suo scopo è di rendere piano il sottostante substrato di calcestruzzo (solaio o pavimentazione); in secondo luogo, serve ad accogliere tubazioni e cavi di servizio. Se la sovrastante pavimentazione (ceramica, pietra o legno) è posata per incollaggio, è proprio sopra al massetto che viene stesa la colla.

Il massetto generalmente è composto da tre materiali: cemento, inerte (sabbia e/o ghiaia, ad esempio) e acqua. Il dosaggio dei vari elementi varia in base all'ambiente esterno e alla locazione che esso avrà (interno o esterno, a scopo civile o industriale). Molto spesso vengono usati additivi o altri materiali in aggiunta a quelli tipici (esempi comuni sono il polistirolo, usato per alleggerire il massetto, o il quarzo, utilizzato per lisciarlo e renderlo più tenace). Per rinforzarlo e renderlo più collaborante si può utilizzare una rete in ferro, come nel caso di solai in calcestruzzo.

 

 

Avendo una massa volumetrica in opera della metà del tradizionale massetto in sabbia-cemento, permette di soddisfare particolari casi dove il carico d’esercizio su solai e tetti è molto ridotto.
Vengono realizzati consolidamenti strutturali possibili anche con calcestruzzo strutturale alleggerito in argilla avendo una massa in opera metà del normale calcestruzzo.


Il massetto alleggerito CC 33 ha notevoli
campi d’impiego, che spaziano dalla
predisposizione di pendenze su tetti e
terrazze al risanamento di coperture
in lamiera grecata, dall’isolamento di
sottotetti a riempimenti di scavi, fondazioni, canalette, ecc. È particolarmente
indicato per la realizzazione di superfici
idonee per la successiva posa di sistemi
di riscaldamento a pavimento in quanto
permette di ottenere un’ottima planarità dei getti eseguiti e la massima omogeneità del prodotto. Inoltre, è idoneo
come sottofondo per pavimentazioni
civili e industriali.

 

Realizziamo sottofondi in sabbia / cemento, massetti autolivellanti per superfici radianti, sottofondo in calcestruzzo cellulare/alleggeriti e/o con materiali premiscelati.
I materiali saranno posati in opera mediante il trasporto ai piani di lavoro con nostre adeguate attrezzature e pompe specifiche.
Tutti i prodotti da noi forniti sono certificati e corredati da schede tecniche, per garantire alla nostra clientela la miglior soluzione alla propria esigenza.
Ove richiesto, sarà nostra cura realizzare la progettazione/ la demolizione/ la preparazione del fondo ove andrà sovrapplicata la pavimentazione.

 

 

Il sottofondo alleggerito (1) viene realizzato con l’utilizzo di un prodotto molto leggero che, pompato direttamente al piano di posa, pareggia i dislivelli sul solaio e consente di realizzare un piano di lavoro sugli impianti prima dell’esecuzione degli intonaci. Questo primo strato garantisce inoltre un incremento dell’ isolamento termico ed un basso carico statico.

La posa è realizzata con estrema semplicità e in tempi ridottissimi, senza intralciare le altre operazioni di cantiere.

Eseguita la prima fase, si procede con la posa del tappetino anticalpestio (2) per l’abbattimento acustico, ove richiesto o con la preparazione del sottofondo per l’esecuzione della fase successiva.

Il secondo strato del sottofondo, ovvero la terza fase del sistema, è costituita dal massetto autolivellante (3), che viene distribuito in maniera uniforme sul piano di posa. Questo garantisce la formazione di una superficie perfettamente planare e compatta sulla quale è possibile posare qualsiasi tipo di pavimentazione ad uso civile senza operazioni di spargitura, staggiatura e battitura ma con una semplice finitura a livello mediante un’apposita barra livellatrice. Uno dei vantaggi di questo tipo di massetto è la rapida pedonabilità, infatti risulta calpestabile a 24 ore dalla posa.

Per la sua buona conducibilità termica, è consigliato per la copertura di impianti di riscaldamento a pavimento.